About lacimetta

English teacher, mum, blogger, interested in Web 2.0 and its impact on learning, education & literature.

Writers at Pordenone legge

This post is devoted to introduce to you the English speaking writers who’ll be here in Pordenone next week to present their books at PordenoneLegge the most important italian literature festival. If you’re willing to hear and see them live because you’ve appreciated one of their novels or just because you enjoy listening to some “real” English – don’t worry, there’ll be be an interpreter to translate! – and are curious and want to know more about their production, here they are:

Thursday 17 September  17:00 Convento di San Francesco: The South African writer Deborah Levy presents Swimming HomeI’m reading it right now.

Saturday 20 September 3.30 p.m. Piazza san Marco: the Canadian writer  Margaret Atwood presents the dystopian novel The Year of the Flood. She’s one of the greatest living novelists and her production is huge. I read one of her novels, Surfacing, when I was attending university, a few hers ago ;)

Here’s the interview to the writer:

Saturday 9p.m. Spazio ITASincontra Piazza della Motta Hanif Kureishi presents The Last Word.

Sunday 21 September 5.30 p.m. Piazza San Marco Jamaica Kincaid presents See Now Then. I cannot wait to attend her reading!

My colleagues and friends Nella Maccarrone & Cristiana Ziraldo have met and worked here with me to create a lesson in order to allow our students to get familiar with such a wonderful Caribbean writer. You can see our work in Ziraldo’s Blog. 

Enjoy Pordenone Legge and see you around my beautiful and lively town swarming with writers from all over the world!!***************************

Ed ecco alcune foto delle nostre autrici! Deborah Levy! Fantastica.IMG_2227 IMG_2228 Michael Dobbs autore di House of Cards. Standard British accent ;)IMG_2230 Con le mie amiche del BookClub e l’incredibile Margaret Atwood.IMG_2235 L’interessantissima conferenza si Sara Robinson e Nesting IMG_2238 IMG_2239 Last but not least, the icing on the cake – la ciliegina sulla torta – l’incredibile Jamaica Kincaid.IMG_2242Sono stati giorni bellissimi, peccato sia finito! Restano i libri da leggere e gustarsi :)

cari genitori

cari genitori delle nuove classi,

benvenuti nel mio Blog didattico. Vi scrivo per chiarire alcuni concetti e idee sull’uso della tecnologia che sono alla base del mio metodo di insegnamento dell’inglese. Come docente ma anche come genitrice comprendo le crescenti preoccupazioni nei confronti dell’uso che fanno gli adolescenti delle nuove tecnologie. Molti genitori pensano che i ragazzi usino Internet solo per i social network (Facebook, Twitter) o passino troppe ore a giocare ai videogame. Troppo spesso pesso ciò corrisponde al vero. Quindi perchè usarle anche a scuola? Perchè così gli studenti avranno l’opportunità di sviluppare quelle competenze (di cittadinanza digitale) che serviranno loro nella vita futura.

E’ importante che i ragazzi apprendano a “usare” le tecnologie che per loro sono come per noi la penna (Internet, smartphones, social networks, apps)  nel modo corretto per selezionare i contenuti rilevanti, scartare le informazioni scorrette o disoneste, organizzare i dati in modo personalizzato per poi manipolarli e crearne di nuovi, mettendo in gioco la loro creatività. E’ la creatività l’elemento spesso mancante nel nostro sistema scolastico sebbene sia il fattore, la capacità cognitiva che farà la differenza nel futuro lavorativo. Qui potete vedere il lavoro che porto avanti da anni con i miei studenti. E’ importante collaborare insieme e condividere il lavoro dei propri figli perchè per loro è molto importante dare visibilità a quanto fatto. Le nuove tecnologie permettono tutto questo. Permettono altresì un lavoro più personalizzato nel rispetto dello stile e tempi di apprendimento di ogni singolo ragazzo.

La sicurezza è di primaria importanza nelle mie classi. La piattaforma che uso Schoology è stata creata per uso didattico ed è dedicata alle scuole (pertanto chiusa e non aperta a tutti) quindi i ragazzi si troveranno a contatto soltanto con i loro compagni di scuola, favorendo lo scambio di idee e la creazione di nuove amicizie ma sempre monitorati dalla docente. Cognomi e numeri di telefono non verranno mai rivelati e scambiati così come i dati personali, nel rispetto delle norme della privacy. Nel presente Blog (protetto da Spam) seleziono materiale adatto sia linguisticamente che come contenuti a quanto viene trattato in classe ma vorrei dedicarmi anche ad insegnare ai ragazzi come “discernere” tra ciò che è culturalmente rilevante ed accettabile da quanto invece non lo è, sviluppando in loro quel senso critico che è alla base delle scelte e vita futura (accademica e lavorativa). Soltanto guidati e comprendendo a fondo  i pericoli della “rete” ci si può difendere.

In sintesi, l’uso delle nuove tecnologie è finalizzato a rendere le ore di lezione più interattive, creative e divertenti. “Learning can be fun!” Ringraziandovi per la fiducia e il supporto concludo con un video che sintetizza un po’ la filosofia didattica che mi ispira quotidianamente.

Ringraziando per l’attenzione porgo i miei migliori saluti e speranza in una fruttuosa collaborazione. Ogni commento è più che gradito

prof. Laura Cimetta