PER UNA DIDATTICA CON MENO DISTANZA

Buongiorno a tutti. In questi gironi di isolamento forzato e scuole chiuse seguo con interesse e partecipazione questo delirio digitale che sembra avere colto il mondo della scuola. Vedo colleghe/i alle prese con strumenti mai utilizzati prima e magari in difficoltà per le mille difficoltà che la tecnologia spesso comporta – siti intasati, wi-fi debole, poca collaborazione. Non sono novità, ci siamo passati tutti. I social docenti sono un continuo “Help Me”. Credo che nessuna app, nessun video inviato sostituirà mai la presenza di studenti e docenti perchè l’educazione è basata sull’empatia. La didattica digitale, sappiamo bene che non è trasmissiva quindi non si limita mai alla pura trasmissione di contenuti, non è sostituire le lezioni frontali con noiosi video di spiegazioni o allegati in PDF. Tale didattica deve essere interattiva, coinvolgente e presuppone collaborazione e creatività attiva da parte degli studenti. Vorrei rendermi utile tuttavia, condividendo dei video- tutorial che avevo creato quando insegnavo e che possono tornarvi utili oggi. Il tono è informale e non sono super professionali come altri che forse troverete online ma servono allo scopo. Ho passato 22 anni nel mio Liceo Grigoletti e ho sempre a cuore colleghe/i e studenti.

Per registrare lo schermo delle vostre presentazioni c’è SCREENCAST-O- MATIC.

L’utilizzo di Adobe Spark è favoloso per creare video dei materiali di lezioni basate su utilizzo di immagini o delle storie – luoghi e musica – che volete condividere.

Ho visto in questi giorni richiedere aiuto per piattaforme di QUIZ con risposta immediata ma che permettessero al docente di analizzare ed archiviare i risultati dei singoli allievi. Io usavo SOCRATIVE e mi sono sempre trovata benissimo. Chiaramente lo usavo in classe ma si può anche utilizzare a distanza. Ci sono anche i Google forms/Google moduli, altrettanto validi, anzi meglio qualora integrati nella Classroom ma mi pare di tutorial ce ne siano in giro molti. Kahoot va benissimo se lanciato come challenge/sfida ma lo trovo più adatto ad una didattica in presenza. Se non altro per il divertimento 🙂

Un’attività importante in questo periodo di chiusura delle istituzioni scolastiche ritengo sia la possibilità per il docente, e per gli studenti, di lavorare sulla SCRITTURA creando documenti condivisi e di lavorare in modalità cooperativa. Certo per chi ha la suite Google Classroom o altre piattaforme di e-learning tutto ciò è scontato. Ma nel caso non lo fosse condivido due video per iniziare a farlo con un semplice account Gmail e nel Drive i Google Docs Shared/condivisi. Lo utilizzo moltissimo anche adesso che, nell’ambito del progetto del Cro, Scuola in Ospedale, spesso correggo e commento documenti dei ragazzi che essendo in trattamenti chemioterapici, sono immuni-depressi e non possiamo lavorare col cartaceo.

Infine, per tutti i teachers of English, who are teaching literature, anziché condividere dei video su autori fatti da me che ogni docente dovrebbe fare in modo personale per le sue classi, o introduzioni a correnti letterarie e autori che sono fatti benissimo dai professionisti dei testi in adozione, sempre nell’ottica di una didattica digitale che presupponga una produzione finale da parte dello studente, come esempio di didattica Peer to Peer, condivido un Padlet con deii video realizzati da miei ex-studenti. Forse ai ragazzi a casa potrà interessare vedere e sentire cosa i compagni magari lontani hanno fatto e cosa potrebbero fare anche loro utilizzando gli strumenti sopra condivisi di Screencast. Oppure semplicemente per ripassare.

Creato con Padlet

Se avete commenti o richieste di aiuto o di specifici tutorial, scrivete sotto e sarà un piacere per me essere utile. Nel Blog trovate tanti esempi di lavori fatti dagli studenti. Buon lavoro!!

3 thoughts on “PER UNA DIDATTICA CON MENO DISTANZA

  1. Grazie mille Laura, non smettere di postare idee e percorsi capovolti: il blog è una miniera di risorse!

    • Grazie Sivia, vorrei incontrarvi tutte di persona. Ti prego di farmi sapere come va e magari postami qualche bell’esempio di cosa hai fatto. Non frequento più tanto i social di didattica. BUON LAVORO!!

Comments are closed.